tot
Accedi
Registrati

POS obbligatorio per tutti a partire da luglio. Cosa cambia?

Redazione Tot
15 luglio 2022
POS obbligatorio per tutti a partire da luglio. Cosa cambia?
linkedIn-primarytwitter-primaryfacebook-primary

Ben dieci anni per arrivare all’obbligo definitivo, ma alla fine ci siamo: dal 30 giugno 2022 (e quindi, praticamente dal 1° luglio 2022) sono entrate in vigore le sanzioni per tutti i commercianti e i professionisti che non si sono ancora dotati del POS o che ne rifiutano pagamenti con carte di credito, carte di debito e altri strumenti di pagamento elettronico o mobile.

A onor del vero, il cosiddetto “POS obbligatorio” era già in vigore dal 2013: a sancirlo il decreto legge n. 179 del 18 ottobre 2012, dal titolo “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese” che, all’articolo 10 comma 4, sanciva l’obbligo di POS per tutti quei “soggetti che effettuano l’attività di vendita di prodotti e prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito". Non sono mai entrate in vigore, però, le multe per coloro che non si adeguavano.

Obbligo POS: le multe

Dal 30 giugno 2022 per chi non rispetta l’obbligo ad accettare pagamenti elettronici (ed anche con strumenti di pagamento mobile contactless, ad esempio con i wallet Apple Pay, Google Pay, eccetera) sono previste due sanzioni: una multa con quota “fissa” di 30 euro, più una seconda multa con importo percentuale variabile, ovvero pari al 4 per cento dell’importo della transazione negato.

Quindi, giusto per fare qualche esempio: Pagamento negato di 10 euro: sanzione di 30 euro + multa di 0,40 euro = 30,40 euro. Pagamento negato di 100 euro: sanzione di 30 euro + multa di 4 euro = 34 euro. Pagamento negato di 500: sanzione di 30 euro + multa di 20 euro = 50 euro eccetera.

Chi è obbligato ad avere il POS

L’obbligo di avere il POS (ed accettare pagamenti non solo in contanti) ricade praticamente su tutti: commercianti, esercenti, liberi professionisti (dall’avvocato, al medico, all’idraulico, per intenderci), ovvero chiunque debba ottenere un pagamento a fronte della cessione di beni o servizi.

Chi non è obbligato ad avere il POS

Sono esentati dall’obbligo di POS i liberi professionisti per tutte le transazioni con altri professionisti nonché quelli, ad esempio, riuniti in studi associati (e che quindi non fatturano direttamente al cliente, ma ad un’impresa), i benzinai ed i tabaccai (limitatamente ai beni sottoposti a Monopolio di Stato, ad esempio le marche da bollo).

Se il POS non funziona, niente multe

Secondo la legge, qualora il POS sia guasto non possono essere comminate sanzioni: in questo caso il commerciante o il professionista deve essere nelle condizioni di dimostrare la cosiddetta "impossibilità tecnica", ovvero che il POS ha subito un malfunzionamento.

linkedIn-primarytwitter-primaryfacebook-primary

Post correlati

Tutti gli F24 da pagare ad Agosto
Corporate1 min.

Tutti gli F24 da pagare ad Agosto

Estate, tempo di F24. O meglio di tasse, tributi, comunicazioni, dichiarazioni, versamenti, adempimenti e ravvedimenti. Con l’emanazione del nuovo decreto “Semplificazioni” il governo italiano ha riscritto, almeno in parte, il calendario fiscale estivo.
Leggi di più
Carta di credito. Storia di com’è nata, come funziona e come cambierà.
Fintech9 min.

Carta di credito. Storia di com’è nata, come funziona e come cambierà.

Quando sono nate le carte di credito? Forse per rispondere a questa domanda dovremmo prima interrogarci sul perché, in un preciso momento della storia del mondo, sia sorta l’esigenza di scambiare beni e servizi anche in assenza (nell’immediato) del controvalore in denaro.

Conto aziendale Tot

Visa Business inclusa, 100% online!

Scopri di più
tot